SPALLA CONGELATA: COS'è E COME CURARLA

La capsulite adesiva, detta anche “frozen shoulder”, è una patologia che interessa l'articolazione scapolo omerale ed è caratterizzata da dolore e rigidità articolare.

Consiste in un processo infiammatorio a carico dell'articolazione della spalla che determina un ispessimento della capsula articolare, la formazione di aderenze e la perdità di elasticità con conseguente limitazione dei movimenti sia attivi che passivi.

Non si conosce una causa univoca, ma questa condizione insorge principalmente in soggetti in età compresa tra i 40 e i 60 anni e con una maggiore incidenza nelle donne. La capsulite adesiva si associa spesso a condizioni mediche come il diabete, disfunzioni della tiroide, malattie ischemiche cardiache, artrite reumatoide e spondilosi cervicale.

Spesso non è possibile individuare un effetto traumatico scatenante e sfortunatamente molti pazienti vengono trattati solo con l'immobilizzazione, che non fa altro che peggiorare il processo di congelamento.

Sebbene la capsulite adesiva possa avere una prognosi risolutiva, può causare disabilità per mesi o anni e quindi richiedere un trattamento appena riconosciuta.

Il trattamento della spalla dolorosa si pone come obiettivo principale la riduzione del dolore e il recupero della mobilità articolare.

Per ridurre la sintomatologia dolorosa nella fase iniziale si possono ottenere notevoli benefici con terapie fisiche quali tecarterapia e laserterapia ad alta energia. Talvota può essere efficace combinare i due tipi di trattamenti,che innescano un processo riparativo molto importante e sono propedeutici per la seconda fase di recupero articolare.

In questa fase viene invece proposto un programma riabilitativo che prevede sedute di mobilizzazione passiva dell'articolazione scapolo omerale; questa fase è molto delicata, in quanto la fisioterapia deve riuscire a recuperare grado dopo grado l'articolarità della spalla rispettando un limite accettabile di dolore.

E' con questo obiettivo che possono essere proposte sedute di idrochinesiterapia nelle quali si sfruttano i vantaggi che comporta l'acqua e quindi  la riduzione del carico gravitazionale sull' apparato muscolo-scheletrico, un maggior rilassamento muscolare, una mobilizzazione facilitata e una migliore riattivazione circolatoria e neuromotoria.

Può inoltre essere utile trattare la zona scapolare e dorsale con la massoterapia per contribuire a ridurre le contratture algiche e quindi dare agio al sistema osteoarticolare e muscolare.

Gradualmente verranno inseriti esercizi di mobilizzazione attiva e di recupero della forza muscolare per raggiungere quel grado di funzionalità necessario per compiere i gesti della vita quotidiana.

La maggior parte dei pazienti con spalla congelata ottiene miglioramenti evidenti con i trattamenti fisioterapici anche se spesso il recupero completo può richiedere anche più di un anno. Per qualsiasi informazio o per una visita gratuita non esitare a conttatarci tramite il form qui sotto.

Valentina - Fisioterapista Kinetic Group

di Valentina Capuzzi - Sede legale: Via Piermarini snc, 26900 Lodi (LO) Italia - P.IVA: 09301960960 - CF: CPZVNT79P66E648N

credits: Masterwebagency.com

Restiamo in Contatto

Centro Fisio Kinetic:

IVia Piermarini snc
26900 Lodi (LO) Italia

Siamo all'interno della piscina Faustina Sporting Club (1° piano)

T346 6976737

Link Veloci